Posizionamento sui Motori di Ricerca: Tre Leggende metropolitane da sfatare

SEO myths
by

Il posizionamento sui motori di ricerca (SEO) prevede varie tecniche che hanno come scopo ultimo aumentare la visibilità di un sito nei risultati dei vari motori.
Nello specifico si tratta dell’ottimizzare il sito affinché risulti tra le prime pagine dei motori di ricerca.

leggende metropolitaneC’è da specificare che la prima posizione assoluta è spesso quasi impossibile da raggiungere, molto dipende dalle key di vostro interesse.
Google è stato migliorato negli anni e, i fattori che determinano un sito in una tale posizione, sono svariati.

Gli algoritmi di Google sono molto complessi e, spesse volte, una ricerca effettuata da un utente può vedere un dato sito in una posizione diversa da quella in cui viene vista da un altro utente.
Questo dipende dai dati che i motori di ricerca hanno di ogni utente che vengono usati in modo tale da fornire informazioni utili a ogni singolo visitatore in base ai propri interessi e esigenze.

I possessori di siti internet, spesse volte, si ritrovano perseguitati da inviti via e-mail inviati da aziende che assicurano di riuscire a far ottenere la prima posizione su Google in cambio di un esoso compenso monetario.
Si tratta, quasi sempre, di vere e proprie truffe.

Di seguito illustreremo le tre miti da sfatare:

Molteplici Landing page per la SEO

La landing page è una pagina del sito creata appositamente per essere raggiunta dai visitatori attraverso una pubblicità o in seguito ad aver cliccato un link.
Ciò aveva un senso un bel po’ di anni fa, ora non più.
E’, invece, indispensabile che la propria landing page sia in tema col contenuto del sito altrimenti si raggiungono visitatori non interessati a quel tipo di contenuto.
Risulta ottima pratica inserire nella landing page alcune parole chiave che racchiudano il tema del proprio sito.
In sintesi è inutile creare molteplici pagine extra nel sito solo per la SEO, ma bensì, è più efficace ottimizzare alla meglio la landing page.

Landing page

Per ottenere il primo risultato su Google bisogna pagare tanto

Ovviamente bisogna investire un po’ in servizi di advertising come Adwords che inserisce spazi pubblicitari nelle pagine di Google ma non si tratta di cifre stratosferiche e che, comunque, ognuno può stabilire un budget a tale scopo senza essere penalizzato nel momento in cui si decide di investire poco in pubblicità.
I falsi SEO, quando parlano di ottimizzazione tra i primi risultati di Google non si riferiscono affatto ai primi risultati nelle ricerche ma alle pubblicità presenti su Google spillando fior fior di quattrini ai mal capitati.
In questi casi, solitamente, si tratta anche di campagne pubblicitarie mal concepite e quindi non riceverete un buon posizionamento tra le ricerche ma avrete solo speso inutilmente dei soldi che potevano essere impiegati per ottenere buoni risultati.
Quindi, se vi affidate ad esperti in SEO, chiedete sempre delle prove di dove andrà a finire il denaro che date loro e come verrà impiegato.

Professionisti SEO (o pseudo tali) che promettono miracoli senza farvi fare nessun tipo di modifica strutturale al sito

Un SEO che promette la prima posizione senza effettuare nessun intervento tecnico al sito sicuramente non adotta metodi cristallini quindi, per non incappare in fregature, occorrerà chiedere i dettagli di come intende agire e diffidate da chi promette miracoli.

Share